Giornate della Scuola di Psicoanalisi dei
Forum del Campo lacaniano

Parigi, 29 – 30 novembre 2014

La scelta del sesso
«L’essere sessuato si autorizza solo da sé» J. Lacan

Iscrizione:
info@praxislacaniana.it

Il pagamento delle iscrizioni può essere effettuato tramite bonifico a:
Praxis – FCL in Italia – Conto corrente 9340088
Banca Unicredit – Piazza Cavour – (00193) Roma
ABI 02008 – CAB  05017 – Codice BIC Swift UNCRITM1008
IT 70 Q 02008 05017 000009340088

Oggetto: Iscrizione Giornate EPFCL-France 2014
Grazie di inviare contestualmente un riscontro e–mail:
info@praxislacaniana.it così da tenere un registro aggiornato delle iscrizione, utile ai Responsabili delle Giornate a Parigi.


Presentazione –  Nouvelle parution

la Feltrinelli – Roma, 22 novembre 2014
 .
Commentaire de la « Note Italienne » de Jacques Lacan
Colette Soler
, CCP-Paris, Cours 2007/2008
.
Édition en Français
Edizioni Praxis del Campo lacaniano, Roma 11/14.
 .
Lacan a ouvert le Séminaire Encore en disant qu’il s’était aperçu que “ce qui constituait (son) cheminement était de l’ordre du je n’en veux rien savoir”¹. Pour tout sujet il y a un «je n’en veux rien savoir». Pour l’analysant tout venant il porte sur son Inconscient, mais quel était le «jen’en veux rien savoir» de Lacan? Relisant ce texte théoriquement si complexe de “La note italienne”, ainsi nommée parce que Lacan y répondait à trois italiens qui demandaient une Ecole italienne, je me dit qu’il est au moins sûr que Lacan ne voulait rien savoir de ce que l’on nomme maintenant «la Realpolitik». C’est à coup sûr une position d’exception pour un fondateur.
.

¹ Cf. Lacan J., Séminaire XX, Encore [1972-1973], Ed. Seuil, Paris 1975, p. 9.
.
Quaderno di Praxis n° 9
Spazio Scuola di Psicoanalisi dei Forum del Campo lacaniano
Praxis–FCL in Italia, rattaché ai dispositivi dell’Ecole: EPFCL–France
(da gennaio 2011 a novembre 2012)


Roma, venerdì 14 Febbraio 2014
Ore 20:00 presso CCP-Onlus, Sede Clinica: Via Arenula 53

Seminario di Scuola*
Sol Aparicio
Psicoanalista, A.M.E. Scuola di Psicoanalisi dei FCL–France
insegnante al Collège de Clinique Psychanalytique [CCP-Paris]
e al Collegio di Clinica Psicoanalitica Onlus, CCP–Roma

«Note sulla pratica del controllo»
A partire da Freud, la pratica del controllo è parte integrante della formazione di ogni psicoanalista. Lacan l’ha ripresa, cinquant’anni fa, al momento della fondazione della sua Scuola, dicendo che «il controllo s’impone». Perché? A cosa il controllo è necessario? Quali ne sono i possibili usi? E come la pratica del controllo si articola con il principio «l’analista si autorizza soltanto da sé»?

Manifesto-14.02.14 Manifesto Web

* organizzato dallo Spazio Scuola di Praxis–FCL in Italia,
associato ai dispositivi dell’Ecole: EPFCL–France.


Roma, venerdì 17 Gennaio 2014
Ore 20:00 presso CCP-Onlus, Sede Clinica: Via Arenula 53

Seminario di Scuola*
Marc Strauss
Psichiatra, Psicoanalista, A.M.E. Scuola di Psicoanalisi dei FCL–France
insegnante al Collège de Clinique Psychanalytique [CCP-Paris]
e al Collegio di Clinica Psicoanalitica Onlus, CCP–Roma

Selezione e garanzia
Tra teorizzare la pratica e selezionare, una contraddizione?
Se un analista non si autorizza che dal punto in cui lo ha portato la sua propria analisi,
qual è la pertinenza e la legittimità delle procedure di selezione e garanzia in una Scuola?

* organizzato dallo Spazio Scuola di Praxis–FCL in Italia,
associato ai dispositivi dell’Ecole: EPFCL–France.


Roma, venerdì 15 Novembre 2013
Ore 21:00 presso CCP-Onlus, Sede Clinica: Via Arenula 53

Seminario di Scuola*
Colette Soler
 Psicoanalista formata da Jacques Lacan, A.M.E. Scuola di Psicoanalisi FCL–France.
Ha dato origine al movimento internazionale dei Forum del Campo lacaniano [FCL],
all’École de Psychanalyse des Forums du Champ lacanien [EPFCL],
al Collège de Clinique Psychanalytique [CCP–Paris] e al CCP–Roma

«L’analista situa un altro sapere, in un altro posto che deve però tenere conto del sapere nel reale.» (J. Lacan, «Nota italiana», in Altri Scritti, Einaudi, Torino 2013, pag. 304)

La Scuola è il luogo dove si può produrre, trasmettere e mettere alla prova «il letto della riserva inconscia all’interno della rete sociale» (J. Lacan, Seminario XI, Einaudi, pag. 68).

Ma come si può intendere questa differenza rispetto alle altre offerte?
Andrea Dell’Uomo, Francesca Velluzzi, Ginevra Biedanelli, Mimma Padula

«La Nota Italiana»

Jacques Lacan inviò nel 1973 una lettera a tre persone residenti in Italia con l’intento di dare inizio ad una Scuola italiana di Psicoanalisi che avrebbe dovuto prendere forma nel 1974. La lettera, pur essendo stata ricevuta, non arrivò a destinazione. Lacan stesso lo segnala: «Le persone in questione non daranno seguito alla proposta», scrisse di suo pugno sui fogli di questo testo, pubblicato nel 2001 in Autres écrits.

Dopo diverse vicissitudini, la lettera, finalmente, è arrivata a destinazione. Conosciuta ora come «Nota italiana», essa è forse il testo, seppur molto breve, più lavorato, più studiato tra i testi lacaniani che riguardano la formazione dello psicoanalista.

organizzato dallo Spazio Scuola di Praxis–FCL in Italia,
associato ai dispositivi dell’Ecole: EPFCL–France.


Scuola di Psicoanalisi*
dei Forum del Campo lacaniano

Seminario di Scuola

Questioni risultanti dall’esperienza della passe
[Questions issues de l’expérience de la passe]

«L’analista è colui che ha avuto degli effetti,
e che, questi effetti, li teorizza.»1

Lacan ha pensato per la sua École un dispositivo originale: la passe.
La passe è molto spesso associata alla sua funzione di nominazione di analisti. Non si insiste però abbastanza sul fatto che questa è il solo luogo concepito per raccogliere nella loro autenticità le testimonianze sullo svolgersi di una analisi ed i suoi effetti. Questo dispositivo permette così di dimostrare gli effetti di una esperienza, ogni volta singolare, che possono universalizzarsi nella teoria.
L’obiettivo del Seminario di Scuola [EPFCL-France] è quello di pensare i nuovi sviluppi e i limiti della psicoanalisi considerando ciò che il dispositivo della passe permette di raccogliere, a livello della esperienza e del materiale clinico.

Cf. Présentation Séminaire École 2010/2011, Patricia Dahan.

1 «L’analyste est celui qui a eu des effets, et qui, ces effets, les théorise.» J. Lacan, Seminario XII, RSI, lezione del 10/XII/1974.

organizzato dallo Spazio Scuola di Praxis–FCL in Italia,
associato ai dispositivi dell’Ecole: EPFCL–France.